Raccolta di olio vegetale a Napoli

olio vegetale

Faiella Nicola s.r.l. sensibile ai problemi ambientali opera nell’ambito della raccolta di olio vegetale a Napoli e provincia. L’olio che normalmente viene usato in cucina per friggere ha subito un’ossidazione causata dall’elevata temperatura, assorbendo sostanze nocive generate dalla carbonizzazione dei residui di cibo. 

Esistono tre tipi di olii esausti: quelli chiari che provengono dalle industrie, quelli scuri che derivano soprattutto dalle macchine e contengono quindi metalli e residui di combustione, e esausti solubili come olio vegetale per frittura. Se dispersi nell’ambiente gli olii esausti sono altamente inquinanti sia per il sottosuolo sia in laghi e fiumi. Non essendo biodegradabile ed essendo l’olio più leggero dell’acqua, forma un “velo” in superficie il cui spessore può variare dai 3 ai 5 centimetri e impedisce ai raggi solari di penetrare provocando gravi danni per flora e fauna. Se anche soltanto qualche km di olio esausto giunge alle falde acquifere ciò rende l’acqua non potabile, arrecando gravi danni anche al funzionamento dei depuratori. È chiaro quindi che l’olio usato per cucinare non può essere semplicemente buttato nel lavandino. Il consumo di questo tipo olii in Italia è di circa 1.400.000 tonnellate di cui il 30% si trasforma in rifiuti. 


Grazie al consorzio di filiera C.O.N.O.E. di cui Faiella Nicola s.r.l. fa parte, si possono recuperare ogni anno circa 60.000 tonnellate di olio e grassi vegetali che, successivamente, vengono trasformati in lubrificanti vegetali per macchine agricole, glicerina per la saponificazione, estere metilico per il biodiesel, grassi per l’industria, distaccanti per l’edilizia e recupero energetico. Faiella Nicola s.r.l. procede in tal modo nella raccolta di olio vegetale a Napoli trasportando e procedendo nello stoccaggio degli olii vegetali esausti, portandoli infine da chi si occuperà del loro riciclo vero e proprio. L’azienda garantisce i propri servizi in moltissimi comuni tra Napoli, Caserta, Avellino, Benevento e Salerno, offrendo a migliaia di esercizi commerciali il ritiro degli olii vegetali esausti ottenuti dalla cottura del cibo.